Udito danneggiato? Rischio fine vita precoce

Udito danneggiato

Udito danneggiato, una ricerca lo mette in correlazione con un addio anticipato alla vita Con il passare degli anni bisogna mettere in conto la possibilità d’un udito danneggiato. E’ un ritornello che ricorre nei discorsi da salotto, signora mia, ma è davvero così? E cosa si può fare per ridurre l’eventuale danno, caso mai si…

Continua a leggere →

Ipoacusia defatigante, che fatica non sentire bene!

Ipoacusia defatigante

Ipoacusia defatigante vuol dire affaticarsi ad ascoltare L’ipoacusia defatigante è la percezione da parte del soggetto che ne soffre di una grande fatica nella vita di tutti i giorni e soprattutto di relazione. Una sensazione che tutti possiamo immaginare, sia che abbiamo bisogno di farci ripetere più volte le parole, sia che godiamo di un…

Continua a leggere →

Ipoacusia? Il cervello ne è stravolto e si riorganizza

Ipoacusia

Ipoacusia, il cervello ne prende atto e destina altrove le risorse disponibili La prova che l’ipoacusia o la sordità interferiscono in maniera sostanziale con il funzionamento del cervello l’ha acquisita scientificamente Anu Sharma, ricercatrice del Department of Speech Language and Hearing Science dell’University of Colorado. Grazie all’utilizzo di alcuni biomarcatori del funzionamento corticale è stato infatti possibile…

Continua a leggere →

Udito perso, come sopravvivere alla città

Udito perso

Udito perso, o danneggiato  significa estrema difficoltà a adattarsi ai rumori di una grande città Per rendere l’idea di cosa prova una persona con udito perso o danneggiato l’artista Trish Adams – che si trova in questa spiacevole situazione dall’età di vent’anni – ha pensato di creare delle performances multimediali che prendono spunto dai rumori della…

Continua a leggere →

Apparecchi acustici, 5 buoni motivi per farne a meno

Apparecchi acustici

Apparecchi acustici, come non farseli piacere in 5 mosse (e non sentirci…) Debbie Clason, di Healthy Hearing, si è preso la briga di elaborare un elenco delle cinque principali paure che impediscono a chi ha problemi di udito di usare gli apparecchi acustici di cui pure avrebbe stretto bisogno. In primis, chi è terrorizzato dall’età che avanza ha,…

Continua a leggere →

Difficoltà uditive, negli States è un’epidemia

Difficoltà uditive

Una notizia arrivata fresca fresca dagli Stati Uniti, è datata infatti 17 settembre 2015, rivela il numero delle persone con difficoltà uditive: 1 su 6 Un adulto (18 anni e oltre) su sei, negli Stati Uniti segnala difficoltà uditive, senza l’aiuto di apparecchi acustici. A denunciare la situazione i risultati di un’indagine sull’udito e la sua eventuale…

Continua a leggere →

Otonomy porta in Fase 3 farmaco per Ménière

OTONOMY

Otonomy annuncia, dopo l’incontro con la FDA, la positiva conclusione della Fase 2 della sperimentazione clinica per OTO-104, un nuovo farmaco pensato per la Malattia di Ménière. SAN DIEGO, 9 settembre 2015 (GLOBE NEWSWIRE) Otonomy, Inc. (Nasdaq:OTIC), azienda biofarmaceutica focalizzata nello sviluppo e la commercializzazione  di terapie innovative per le malattide dell’orecchio, ha annunciato oggi di aver completato con successo…

Continua a leggere →

Sentire meglio non è un optional, ma una necessità

Sentire meglio

Anziani e Udito, sentire meglio per vivere meglio Sentire meglio per vivere meglio è un ottimo slogan, specialmente in un Paese come l’Italia dove secondo stime attendibili le persone con disturbi uditivi sarebbero qualcosa come sette milioni, un vero esercito! Estendendo la stima al mondo intero si arriva poi, come ricorda l’OMS, alla cifra di 278…

Continua a leggere →

Acufene invalidante, il Convegno di Bergamo

Acufene invalidante

Acufene invalidante, di questo si è parlato nel Convegno di Bergamo L’acufene invalidante colpisce in Italia oltre due milioni di persone, in maniera più o meno grave. E’ stato questo l’argomento del Convegno di Bergamo “Acufene. Il rumore nel silenzio” (Bergamo, 6 Giugno 2015, Sala Lombardia – Sede ASL Bergamo – Via Galliccioli). Vi hanno preso…

Continua a leggere →

Otite infantile ricorrente, acufeni da adulto?

Otite infantile

Otite infantile ricorrente vuol dire rischio di acufeni da adulto? Non è detto, ma certo il rischio può esistere, specialmente se il pediatra o l’otorino di turno sono andati giù pesanti con farmaci ototossici, quelli che provocano, per capirci, più danni che benefici anche nel caso dell’otite infantile. Prendiamo il mio caso. Che avessi da…

Continua a leggere →

Page 3 of 3