Gruppi Acufeni Facebook, quali sono gli argomenti ricorrenti?

Gruppi Acufeni Facebook
Share

Un po’ come tutti quelli che ne soffrono, ho cercato “Gruppi Acufeni Facebook” e mi sono iscritto

Perché mi sono iscritto ai Gruppi Acufeni Facebook? Per vedere l’aria che tira. E l’impressione è che l’aria non sia proprio del tutto salubre.

Ci comunica, per esempio, Gabriele (i nomi sono di fantasia): «Stasera sono andato alle corse, classici tappi nelle orecchie, ma una sola auto aveva un rumore più forte che dovetti oltre ai tappi, premere sulle orecchie x il rumore, poco dopo ecco il fischio e un dolore fastidioso a entrambe le orecchie».

E si becca la risposta prevedibile e scontata da Matteo:«Evitare no eh?»

Normale. Poi cominciano le dolenti note che danno il tenore delle conversazioni dei Gruppi Acufeni Facebook, un po’ troppe lagne e lamentele. Via, si possono risolvere così i problemi?

Disperata Lucrezia annuncia: «Aiutooooooo!!!!!!! Scusate lo sfogo ma oggi rasento la follia…. Non c’è televisione o musica che riesca ad attutirlo anche solo per pochi secondi…. Non ne posso più!».

Riceve conforto (si fa per dire) da Immacolata: «Anche il mio è davvero troppo forte da un po troppi giorni, la mia paura è che non si abbasserà più…… sono disperata, mi rimbomba nel cervello…………… rivoglio la mia vita».

Si associa sconsolato Osvaldo: «Ragazzi ….è dura! Io già da diversi anni ci soffro… si deve convivere con questo disturbo, e purtroppo accettarlo!».

Ma l’acufene è sempre uguale per tutti?

S’interroga Mario, nel timore che qualcuno gli nasconda la tremenda verità: «Buonasera cari, ditemi che c’è qualcuno tra noi con acufene sempre uguale fin dall’inizio, che magari ha alti e bassi, ma che sostanzialmente non è mai peggiorato negli anni… DITEMELO.»

E raccoglie un putiferio di commenti.

Uno per tutti, quello di Arsenio:  «Anche a me pesano di brutto però che dobbiamo fare? Sperare in una cura ma più che altro aiutarci noi con noi tranq(uillanti) sto provando di tutto dalle erbe ecc appena trovo qualcosa vi aggiorno mi manca solo la cicute e il cianuro ? porca miseria hahahhahaha».

Poi il discorso si fa più serio e pensieroso. Gianni la pensa così: «Secondo me è neurologico il problema parte dal nostro computer legge file errati ci vorrebbe un ripristino oramai memorizza quel suono inesistente e si amplifica a seconda delle circostanze».

Maria suggerisce un farmaco, si chiama Otobrain.

Curiosa, forse incredula, Lucia le chiede:  «Otobrain e …spariscono?»

Risposta di Maria: «Quelli temporanei si a me almeno..e otobrain migliora anche quello fisso.io lo prendo la sera perché fluidifuca la circolazione e quindi abbassa lievemente la pressione ma ognuno è un caso a se.»

Nei Gruppi Acufeni Facebook ognuno è un caso a sé?

Sul punto sono tutti d’accordo. Ma condividere la “propria ricetta” è consolatorio, e poi, chissà, magari si aiuta qualcuno, fermo restando che ognuno è comunque un caso a sé.

Ribadisce il concetto Maria: «L’acufene una ha a che fare con un cambiamento neurologico. .che può partire da tante cause. ..una volta arrivato. .e il cervello la parte coinvolta. .l’ansia é un fattore aggiuntivo. ..che peggiora le cose..è comunque le cause non sono strettamente legate a udito.ciao».

L’ansia è la chiave di tutto, sostiene Marcella:  «A me e’ peggiorato…ma credo per il fatto che in questo periodo ho ansia alle stelle.!!»

Giovanna sembra essere a un punto di non ritorno:  «Dopo piu di 20 anni di convivenza con il fischio, sono arrivata ad un punto di non ritorno. mi sono trascurata lo ammetto, mi ero arresa dal navigare nel buio di tanti medici. ora devo risolvere non ne posso piu.. mi chiedevo da dove ripartire. qualcuno di voi e in provincia di … e saprebbe consigliami medici cazzuti? Grazie».

Francesco, il saggio, ha la risposta pronta: “purtroppo, benvenuta… direi che dovresti ripartire da te stessa».

Si scoprono situazioni da paura e rimedi fatti in casa

Wanda confessa sconsolata: «Dopo otto mesi d’insonnia mi sino “calmata” e tre ore per volta riesco a dormire ma non più come prima.Dopo mangiato se mi voglio riposare il ronzio è più forte.Sembra che non ci sia una cura ( me lo ha confermato un mio amico medico la cui moglie è acufenica).Autocontrollo e coccole e distrazione. Ma quelle belle dormite. ..un ricordo!».

Marta la consola così: «Io penso che dipenda anche dal motivo per cui ci sono gli acufeni forse cura per alcuni non c’è però un modo per vivere bene quello di non è un tumore non è mortale dobbiamo trovare il nostro modo per viverci».

Perché non ricorrere poi alla terapia escogitata da Sandra? «Come distrattore uso il rumore del frigorifero ma non sempre funziona.»

Ma alla fine i Gruppi Acufeni Facebook funzionano?

Dipende.

Sicuramente per chi partecipa alle discussioni costituiscono spesso l’unica ancora di salvezza, l’aggancio con una comunità di persone che hanno in comune lo stesso problema degli acufeni.

Problema che è quanto mai misconosciuto, lo dico per esperienza personale: dai medici, dagli audioprotesisti, dai familiari (per non parlare degli ambienti di lavoro).

I familiari in particolare non si fanno neppure scrupolo a etichettare gli acufeni come una “fisima” che risiede solamente nella testa di chi ne soffre, il malato immaginario, tanto non è un tumore e certo non si muore di acufeni.

Trovo molto pericoloso lo scambio di cure e nomi di medicinali che sono stati utili a questo o a quello dei partecipanti alla conversazione.

D’altronde se i medici, o gli addetti ai lavori, non danno un gran peso al problema, il fai da te si fa strada da solo, e pure prepotente.

Troveranno i nostri eroi dei gruppi Facebook per acufeni una strada per incanalare la loro grande sofferenza misconosciuta dal resto del mondo?

Ah saperlo!

Buona giornata!

Acufeni Insopportabili?

Scarica adesso GRATIS l’anteprima del mio report

La tua email è al sicuro, non sarà mai ceduta a terzi per nessun motivo

Lascia un commento da Facebook

1 Comment

Leave A Response