Anemia sideropenica, c’è un nesso con la perdita d’udito?

Anemia sideropenica
Share

Anemia sideropenica, la carenza di ferro danneggia le cellule ciliate?

Sono stati pubblicati recentemente (29 dicembre 2016) i risultati di uno studio sulla possibile correlazione tra anemia sideropenica e perdita d’udito.

La ricerca è apparsa sull’ultimo numero di JAMA Otolaryngol Head Neck Surg con il titolo Association of Iron Deficiency Anemia With Hearing Loss in US Adults.

Sono stati presi in esame per la ricerca adulti USA fra i 21 e i 90 d’età, per un totale di 305. 339 soggetti.

Obiettivo era scoprire se l’anemia sideropenica può avere effetti sulla perdita d’udito, cioè se esiste una correlazione fra le due patologie.

La conclusione raggiunta è che i soggetti che soffrono di anemia sideropenica (carenza di ferro e globuli rossi) hanno il doppio di probabilità rispetto a chi non ne soffre di incorrere in una perdita d’udito neurosensoriale e/o trasmissiva.

Il danno riguarderebbe in particolare le cellule ciliate dell’orecchio interno.

 

"Non sei sordo", il tuo manuale di consultazione

Ordina adesso “Non sei sordo” con lo sconto del 50% sul prezzo di copertina!

Lascia qui la tua email e ti garantisci lo sconto! [9 € anziché 18]

Qui la Presentazione del libro

privacy La tua email è al sicuro, non la cederemo a terzi per nessuna ragione. Garantito!


E il guaio è, come sappiamo, che una volta danneggiate le cellule ciliate non possono tornare a nuova vita (anche se attualmente sono parecchi i tentativi per ribaltare questo dato di fatto, e rigenerarle).

Quanti soggetti vanno incontro a perdita d’udito negli States?

Secondo gli autori della ricerca attualmente i dati disponibili evidenziano per la popolazione in generale degli Stati Uniti una percentuale di soggetti con perdite uditive paria all’1,6%.

In controtendenza, chi soffre di anemia sideropenica raggiunge la percentuale di 3,4% in termini di soggetti con ipoacusia neurosensoriale e/o trasmissiva.

In questi ultimi soggetti bassi livello di ferro possono danneggiare o addirittura uccidere e quindi mettere fuori gioco le cellule ciliate dell’orecchio interno, con conseguente sordità.

Terapie possibili (in ipotesi)

E’ ipotizzabile una terapia in grado di migliorare la situazione per chi ha perso l’udito o rischia di perderlo a causa della carenza di ferro e globuli rossi?

Secondo i ricercatori se l’anemia sideropenica gioca un ruolo importante nel provocare la perdita dell’udito, è quanto meno altrettanto ipotizzabile che, correggendo la carenza di ferro, potrebbe essere possibile migliorare l’udito.

Gli stessi ricercatori mettono però le mani avanti: allo stato attuale non esiste alcuna evidenza che questa terapia possa migliorare (o quantomeno mantenere) le capacità uditive.

L’immancabile conclusione è che sono necessari ulteriori studi per stabilire se le persone con anemia sideropenica che accusano perdita d’udito possano giovarsi della terapia mirata a contrastare la carenza di ferro e di globuli rossi.

Informazioni sulla ricerca

Dei 305. 339 pazienti che hanno partecipato allo studio, 132.551 erano maschi (43.4%); l’età media era di 50.1 (18.5) anni.

La correlazione fra anemia sideropenica e perdita dell’udito (International Classification of Diseases, Ninth Revision codici 389,1 [SNHL], 389,0 [ipoacusia trasmissiva] e 389 [perdita di udito combinato) è stata identificata in questo studio di coorte retrospettivo presso il Penn State Milton S. Hershey Medical Center, Hershey, Pennsylvania.

La carenza di ferro è stata determinata da bassi livelli di emoglobina e di ferritina per età e sesso nei 305.339 adulti di età compresa tra 21 e 90 anni, oggetto dello studio.

Lo studio è stato condotto a partire dal 1° gennaio 2011 e fino al 1° ottobre 2015.

Acufeni Insopportabili?

Scarica adesso GRATIS l’anteprima del mio report

La tua email è al sicuro, non sarà mai ceduta a terzi per nessun motivo

 

Lascia un commento da Facebook

Leave A Response